31 Aug 2017

Mandato d'arresto europeo deve essere firmato da un giudice (Cass. 39861/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Taggato: MAE, mandato d'arresto europeo

E' consentito dare esecuzione al Mandato d’arresto europeo solo se il provvedimento cautelare in base al quale il mandato è stato emesso sia stato sottoscritto da un giudice (e non da un PM o dalla polizia): la previsione assume natura sostanziale ed ha ad oggetto quanto costituisce il presupposto stesso del mandato di arresto europeo.

Corte di Cassazione, sez. Feriale Penale, sentenza 31 agosto – 1 settembre 2017, n. 39861

Ritenuto in fatto

1. La Corte di appello di Genova, con la sentenza in epigrafe indicata, ha disposto la consegna di P.R., cittadino italiano, all’autorità giudiziaria della Bulgaria in esecuzione del mandato di arresto Europeo emesso il 12 giugno 2017 dalla Procura distrettuale di Sofia dietro ordine nazionale in data 22 marzo 2017 della Procura Rionale di Sofia, perché indiziato dei reati di truffa e di appropriazione indebita (artt. 211, 209 e 26 cod. pen. bulgaro).
2. Per unico ed articolato motivo ricorre avverso l’indicata sentenza la difesa del consegnando, deducendo l’erronea applicazione della legge processuale (art. 606, comma 1, lett. b) cod. proc. pen.) e, segnatamente, dell’art. 1, comma 3, legge n. 690 del 2005 nonché degli artt. 13 e 111, comma settimo, Cost. e dell’art. 291 cod. proc. pen..
La Corte di appello di Genova avrebbe disposto la consegna nonostante il mandato di arresto Europeo ed il titolo cautelare nazionale fossero stati emessi non da un giudice ma dal p.m., ufficio cui sarebbe spettata la mera attivazione della procedura.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è fondato.
L’art. 1, comma 3, della legge n. 69 del 2005, di cui si deduce in ricorso la violazione, recita che "l’Italia darà esecuzione al mandato d’arresto Europeo alle condizioni e con le modalità stabilite dalla presente legge, sempre che il provvedimento cautelare in base al quale il mandato è stato emesso sia stato sottoscritto da un giudice...".
L’indicata previsione non riguarda l’atto per il quale si richiede allo Stato membro la consegna o il mandato di arresto Europeo, ma si rivolge direttamente al provvedimento cautelare nazionale di limitazione della libertà di una persona.
Come già da questa Corte affermato, la previsione assume natura sostanziale ed ha ad oggetto quanto costituisce il presupposto stesso del mandato di arresto Europeo.

La garanzia della libertà della persona attinta dal mandato Europeo è infatti che quest’ultimo rivenga il proprio fondamento in un provvedimento di un giudice (Sez. 6, n. 8449 del 14/02/2007, Piaggio, Rv. 235560; per il richiamo che il provvedimento interno, impositivo di misura cautelare debba contenere la sottoscrizione di un giudice: Sez. 6, n. 6901 del 13/02/2007, Ammesso, non massimata sul punto, par. 2.5 motivazione; in termini, Sez. 6, n. 1125 del 8/01/2009, Stojanovic, Rv. 244140, pure massimata sul diverso profilo della mancanza di sottoscrizione da parte di un giudice, del mandato di arresto).

2. Violativa dell’indicata previsione, risultando il mandato di arresto per cui è domanda di consegna emesso su disposizione nazionale del PM presso l’Ufficio del Procuratore Rionale di Sofia, la sentenza impugnata va annullata senza rinvio non sussistendo allo stato le condizioni per la consegna all’autorità giudiziaria della Bulgaria.
3. Seguono gli adempimenti di cui all’art. 22, comma 5, l. n. 69 del 2005 ed all’art. 626 cod. proc. pen., attesa la sottoposizione del ricorrente a misura cautelare incidentale, caducata dal disposto annullamento.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata. Dispone l’immediata liberazione del ricorrente se non detenuto per altro titolo.
Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di cui all’art. 22, comma 5, l. n. 69 del 2005 e la comunicazione al Procuratore generale ai sensi dell’art. 626 cod. proc. pen..

Recenti Pubblicazioni

Lavoro e arresti domiciliari (Cass. 8276/18)

La concessione dell’autorizzazione a recarsi al lavoro non si configura come un "diritto" del detenuto agli arresti domiciliari, posto che consentire attività lavorative svolte con continui spostamenti, difficilmente controllabili, snaturerebbe il regime della custodia domestica.

Cane incatenato all'aperto senza cibo: è maltrattamento (Cass. 8036/16)

Tenere legato un cane in isolamento per vari giorni ad una catena all'aperto, senza cure igieniche, senza somministrazione né di cibo né di acqua, in assenza di un valido riparo è reato anche senza che venano accertate lesioni.

Microcamera nascosta in bagno: è reato solo se.. (Cass. 4669/18)

Introdurre nel bagno riservato al personale femminile di un ufficio una microtelecamera è reato, dato che al suo interno le persone svolgono attività della vita privata: ma ciò solo se vengono registrare immagini di una persona, dato che il bagno di un ufficio - a differenza di altri luoghi protetti -  non è un ambiente in grado di restituire una effettiva e concreta testimonianza della vita privata del medesimo, atteso che oggetto di punizione ai sensi della disposizione citata non è la mera intrusione nel domicilio altrui.

"Cane maltrattato" è diritto di critica (Cass. 55739/17)

In riferimento all'esercizio del diritto di critica, la verità del fatto assume un rilievo più limitato e necessariamente affievolito rispetto al diritto di cronaca, in quanto la critica, quale espressione di opinione meramente soggettiva, ha per sua natura carattere congetturale, che non può, per definizione, pretendersi rigorosamente obiettiva ed asettica.

Spacciarsi come fotografo per adescare è reato (Cass. 55481/17)

E' reato la falsa attribuzione di una qualifica professionale, laddove la nozione di professione va considerata in senso ampio, cioè come qualità personale cui la legge attribuisce effetti giuridici in quanto individua un soggetto nella collettività sociale.

Spese ordinarie e spese straordinarie nel mantenimento dei figli

Le spese ordinarie sono comprese nell'assegno di mantenimento deciso al momento della separazione, quelle straordinarie no: la distinzione nel silenzio della legge è affidata all'interprete.