16 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

100 g di cocaina non sono fatto di lieve entità (Cass.pen., 16192/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , , ,

100 g di cocaina non sono fatto di "lieve entità" salvo motivazione approfondita.

Leggi tutto
14 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Segreto di indagine vs. pubblicazione di atti (Cass. pen., 16301/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , ,

Nel codice non vi è completa coincidenza tra il regime di segretezza e quello di divulgazione degli atti permanendo una distinzione tra segreto e divieto di pubblicazione: non vi è perfetta equiparazione tra ciò che diviene conoscibile all'interno del procedimento e la sua divulgabilità.

Leggi tutto
4 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Infedeltà coniugale ed addebito (Cass Civ., 7998/14)

Autorità Cassazione civile

Tags: , , ,

Moglie infedele non basta per l'addebito: il giudice non può fondare la pronuncia di addebito della separazione sulla mera inosservanza del dovere di fedeltà coniugale, ma deve verificarne l'effettiva incidenza causale sul fallimento della convivenza coniugale previo accertamento rigoroso e di una valutazione complessiva e comparativa del comportamento di entrambi i coniugi, tenendo conta anche della frequenza e delle modalità con cui la infedeltà è avvenuta.

Leggi tutto
4 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Dati personali e uso giudiziario senza consenso (Cass. civ., 7783/14)

Autorità Cassazione civile

Tags: , , , , ,

La legislazione in tema di privacy permette di prescindere dal consenso dell'interessato quando il trattamento dei dati sia necessario per far valere o difendere un diritto in giudizio, pur se tali dati non riguardino una parte del giudizio in cui la produzione viene eseguita: unica condizione richiesta è che la produzione sia pertinente alla tesi difensiva e non eccedente le sue finalità; che sia cioè utilizzata esclusivamente nei limiti di quanto necessario al legittimo ed equilibrato esercizio della propria difesa.

Leggi tutto
3 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Coltivazione di numero esiguo di piante non è reato (Cass. Pen., sent. 15191/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , , ,

Nella coltivazione di sostanza stupefacente, va dimostrata l'offensività della condotta e l'idoneità della stessa a porre in pericolo il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice: in considerazione di un numero esiguo delle piantine di marijuana e nel caso di quantitativo minimo di sostanza dalle stesse estraibile il reato non sussiste.

Leggi tutto
2 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Diffamazione per accostamento di fotografie (Cass. Pen., 3721/12)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , ,

Può costituire reato di diffamazione a mezzo stampa l'accostamento tra la fotografia della parte lesa ed il testo dell'articolo contenente una forte carica diffamatoria. 

Leggi tutto
2 Apr 2014
Sentenza

Sentenza

Coltivazione di marijuana post sentenza 32/14 (Cass. pen., sent. 15152/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , , ,

Alcuni corollari applicativi della sentenza 32/14 Corte Costituzionale: il regime applicabile, concreta portata applicativa della declaratoria di illegittimità costituzionale.

Leggi tutto
20 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Nessun risarcimento per chi è stato assolto da una denuncia (Cass. Civ., 6554/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , ,

La denuncia  di un reato perseguibile d'ufficio non è fonte di responsabilità per danni a carico del denunciante anche in caso di proscioglimento o di assoluzione, se non quando essa possa considerarsi calunniosa, poiché, al di fuori di tale ipotesi, l'attività pubblicistica dell'organo titolare dell'azione penale si sovrappone all'iniziativa del denunciante, interrompendo così ogni nesso causale tra tale iniziativa ed il danno eventualmente subito dal denunciato; infatti, nell'ambito di uno Stato di diritto liberaldemocratico, in cui si attribuisce valore civico e sociale all'iniziativa del privato nell'attivare la riposta giudiziaria dinanzi alla violazione della legge penale, è ragionevole che nessuna responsabilità consegua ad una denuncia penale fuori dall'ipotesi di calunnia, autocalunnia e simulazione di reato (cfr. l'approfondimento "Accusa ingiusta: quando fare una controdenuncia e chiedere il risarcimento del danno[sitetree_link,id=245]").

Leggi tutto
10 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Satira e libera manifestazione del pensiero (Cass. civ., 5499/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , ,

La satira, al pari di ogni altra manifestazione del pensiero, non può infrangere il rispetto dei valori fondamentali della persona: è illecita l'attribuzione di condotte illecite o moralmente disonorevoli, l'accostamento volgare o ripugnante, la deformazione dell'immagine in modo da suscitare disprezzo della persona e ludibrio della sua immagine pubblica. 

Leggi tutto
6 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Procura Lanciano: linee guida operative per normativa sugli stupefacenti post Corte Costituzionale

Autorità Procura Lanciano, Dott. Francesco Menditto

Tags: , , , ,

Primi adempimenti relativi alla sentenza della Corte costituzionale n. 32 del 2014. Conseguenze sulla disciplina penale in materia di sostanze stupefacenti (Dr. Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di LANCIANO, 6 marzo 2014; scarica pdfsegnalando un refuso sub 6.4 lett (c)).

Leggi tutto
6 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Danno biologico e invalidità lavorativa specifica (Cass.civ., sent. 524/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , ,

Accertata la riduzione della capacità di lavoro specifica, se essa è di una certa entità e non rientra tra i postumi permanenti di piccola entità, è possibile presumere che anche la capacità di guadagno risulti ridotta nella sua proiezione futura - non necessariamente in modo proporzionale - qualora la vittima già svolga un'attività o presumibilmente la svolgerà.

Leggi tutto
6 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Risarcimento integrale solo con personalizzazione effettiva del danno (Cass. civ., 5243/14)

Autorità Cassazione Civile

Tags: , , , ,

Il risarcimento del danno alla persona deve essere integrale: pertanto, in tema di liquidazione del danno per la lesione del diritto alla salute, nei diversi aspetti o voci di cui tale unitaria categoria si compendia, l'applicazione dei criteri di valutazione equitativa, rimessa alla prudente discrezionalità del giudice, deve consentirne la maggiore approssimazione possibile all'integrale risarcimento, anche attraverso la cd. personalizzazione del danno (come garantiti dalle Tabelle di Milano).

Leggi tutto
5 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Ricadute della sentenza 32/2014 Corte costituzionale sul trattamento sanzionatorio in materia di sostanze stupefacenti

Autorità Corte di Cassazione, Ufficio del Massimario

Tags: , ,

Prime riflessioni sulle possibili ricadute della sentenza n. 32/2014 della Corte costituzionale sul trattamento sanzionatorio in materia di sostanze stupefacenti.

Leggi tutto
5 Mar 2014
Sentenza

Sentenza

Costituzionale il reato di spaccio lieve (Cass.pen., 10514/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , ,

Non è irragionevole punire  con la stessa la sanzione i fatti di spaccio di lieve entità indipendentemente dalla natura, 'pesante' o 'leggera', della sostanza stupefacente .

Leggi tutto
21 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Poliziotto travestito e diritto alla vita privata (Cons. stato, 848/14)

Autorità Consiglio di Stato

Tags: , , , ,

Il travestimento in abiti femminili di un uomo non può qualificarsi in sé “indecoroso” se l’atteggiamento assunto non consiste in pose sconvenienti o contrastanti col comune senso del pudore, del rispetto della propria o altrui persona: ciò vale anche se trattasi di agente di pubblica sicurezza, che agisce nella sfera della sua vita privata, senza riconoscibilità del suo status e senza alcun riferimento all’amministrazione di appartenenza; in virtù del cambiamento dei costumi, l’inclinazione sessuale, anche degli appartenenti alle forze dell’ordine, non costituisce materia di ricatto o di possibili ritorsioni specifiche, o almeno non più di altri aspetti della vita della persona.

Leggi tutto
19 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Dichiarazione infedele e soglie di punibilità (Cass. pen. 7615/14)

Autorità Cassazione Penale

Tags: ,

La condotta punita dall'art. 4 d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74, consiste nella indicazione, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte, di elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo o di elementi passivi fittizi (c.d. dichiarazione infedele), occorre rammentare che, per espressa previsione contenuta nella stessa norma, essa è però penalmente rilevante solo quando, congiuntamente:

Leggi tutto
18 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Privacy, diritto di cronaca e minori (Cass. pen., 7504/14)

Autorità Cassazione Penale

Tags: , ,

Nel raffronto tra i diritti del minore ed il diritto di cronaca e di critica debba comunque prevalere, per espresso dettato legislativo l'interesse oggettivo del minore alla riservatezza, dovendosi piegare i motivi di rilevante interesse pubblico giustificanti la diffusione di dati all'osservanza di determinati limiti normativi e dovendosi rimettere alla senso di responsabilità del giornalista la valutazione dell'interesse oggettivo del minore a che la notizia o i dati che lo possano riguardare debbano essere pubblicati, così come imposto dall'art. 7 comma 3 del codice deontologico.

Leggi tutto
17 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Lieve entità e dato ponderale di 400 g (Cass.pen., sent. 7249/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , ,

Anche per la detenzione ai fini di spaccio di 400 g di hashish può essere concessa l'attenuante di lieve entità (art. 73/5 TU Stupefacenti), quando  via sia scarsa efficacia drogante (nel caso in ispecie: presenza del Delta 9 THC mediamente solo al 2,3%e quindi di ca. 9000 mg), un solo tipo di sostanza e comportamento collaborativo tenuto dall'imputato nell'immediatezza del fatto.

Leggi tutto
16 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Risarcimento danni ai parenti da incidente stradale mortale (Trib. Bari, 14.02.2014)

Autorità Tribunale di Bari

Tags: , , , , , , ,

Il danno da perdita del rapporto parentale va al di là del crudo dolore che la morte in sé di una persona cara, provoca nei prossimi congiunti che le sopravvivono, concretandosi esso nel vuoto costituito dal non potere più godere della presenza e del rapporto con chi è venuto meno e perciò nell'irrimediabile distruzione di un sistema di vita basato sull'affettività, sulla condivisione, sulla rassicurante quotidianità dei rapporti tra moglie e marito, tra madre e figlio, tra fratello e fratello, nel non poter più fare ciò che per anni si è fatto, nonché nell'alterazione che una scomparsa del genere inevitabilmente produce anche nelle relazioni tra i superstiti. Per un inquadramento del risarcimento dei danni da morte del congiunto si veda il relativo approfondimento[sitetree_link,id=45].

Leggi tutto
12 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Utilizzabilità degli esami del sangue per il reato di guida in stato di ebbrezza (Cass. pen., 6786/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: ,

Sull'utilizzabilità, nell'ambito di un procedimento penale per guida in stato di ebbrezza, degli accertamenti ematochimici disposti in assenza di un espresso consenso dell'interessato.

Leggi tutto
12 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

lllegittimità costituzionale della disciplina degli stupefacenti (Corte Cost., sen. 32/14)

Autorità Corte Costituzionale

Tags: ,

Rientra in vigore la disciplina dei reati sugli stupefacenti contenuta nel d.P.R. n. 309 del 1990, nella versione precedente alla novella del 2006, torni ad applicarsi, non essendosi validamente verificato l’effetto abrogativo.

Leggi tutto
3 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Irreperibilità del teste straniero per l'utilizzazione dibattimentale 512 c.p. (Cass.pen., sent. 4342/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: , ,

Se è corretto sostenere che l'allontanamento della persona offesa straniera dal territorio nazionale non era comunque immediatamente prevedibile va peraltro precisato che "deve escludersi che l'impossibilità (...di procedere all'esame del teste in contraddittorio...) possa comunque dipendere esclusivamente dalla volontaria sottrazione del testimone al dibattimento" (Corte di cassazione Sez. Unite penali, 14 luglio 2011, n.27918, come ribadito da Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 10 dicembre 2013 - 30 gennaio 2014, n. 4342.

Leggi tutto
3 Feb 2014
Sentenza

Sentenza

Caso Google Vividown (Cass. pen. sent. n. 5107/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: ,

Google Italia è mero Internet host provider, soggetto che si limita a fornire una piattaforma sulla quale gli utenti possono liberamente caricare i loro video; video del cui contenuto restano gli esclusivi responsabili.

Leggi tutto
30 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Accompagnamento coatto, fermo di identificazione, atto arbitrario del pubblico ufficiale (Cassazione pen., sent.4392/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: ,

E' arbitrario il comportamento dei pubblici ufficiali teso a far uscire coattivamente un privato dall’auto sulla quale è trasportato; il comportamento è sproporzionato se motivato dal fine di identificare un uomo le cui generalità sono già note.

Leggi tutto
29 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Accompagna un amico che detiene stupefacente: non è reato (Cass.pen., 4055/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , ,

Accompagnare un amico con la consapevolezza che questi detiene 40 g di eroina e 6 g di MAM non è reato in assenza di un qualsiasi contributo positivo, anche solo di tipo morale, diretto ed effettivamente idoneo ad agevolare o anche solo a rafforzare il proposito criminoso del compagno di viaggio.

Leggi tutto
29 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Troppo tempo fra sinistro e misurazione del tasso alcolico: ipotesi meno grave (C. App. Milano, 3227/13)

Autorità Corte di Appello di Milano

Tags: , ,

In tema di guida in stato di ebbrezza, se la misurazione non avviene al momento del sinistro, ma diverso tempo dopo, si ignora il valore esatto dell'alcool nel sangue della conducente in tale momento: bisogna tenere invece conto che la durata della fase di assorbimento dipende anche dalle caratteristiche fisiche individuali, della fase digestiva, dei cibi assunti e della consuetudine al bere, con la conseguenza che non si può concludere in termini di assoluta certezza che al momento dell'incidente i valori di confine fosse già stato raggiunto e superato, dovendo dunque ritenere sussiste l'ipotesi meno grave di guida in stato di ebbrezza (art. 186 Codice della strada).

Leggi tutto
24 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Incidente per distrazione non comporta revoca della patente (TAR Liguria, 144/14)

Autorità TAR Liguria

Tags: , ,

Una distrazione momentanea e occasionale non costituisce di per sé, a prescindere dalle conseguenze, inequivoco elemento rilevatore di perdita dell’idoneità tecnica alla guida.

Leggi tutto
15 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Illegittimo richiedere esame urine e del sangue (Cass.pen., 1494/13)

Autorità Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 9 luglio 2013 – 15 gennaio 2014, n. 1494

Tags: , ,

In caso di sottoposizione agli esami ematici ai fini dell'accertamento della guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, la richiesta di esami dell'urina è illegittima; peraltro, l'applicazione del lavoro di pubblica utilità - anche per gli ulteriori effetti che derivano dall'esito positivo del suo svolgimento - può risolversi in una disposizione di favore per il reo, e, in quanto tale, ben può quindi trovare applicazione, ai sensi dell'art. 2 c.p., comma 4, anche in relazione a fatti commessi sotto il vigore della previgente disciplina, laddove non definiti con sentenza irrevocabile.

Leggi tutto
13 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Ingiusta detenzione va indennizzata anche al condannato per altri reati (cass.pen., 1219/13)

Autorità Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 12 novembre 2013 – 14 gennaio 2014, n. 1219

Tags:

Nel caso di carcerazione subita ingiustamente, il richiamo di precedente esperienza carceraria quale fattore di riduzione della misura del diritto alla riparazione è errato: da una parte introduce classi diverse di dolore per un medesimo fatto ingiusto e nocivo, introducendo dall'altra anche un fattore di disuguaglianza tra cittadini che non appare conforme a fondamentali precetti costituzionali. 

Leggi tutto
7 Gen 2014
Sentenza

Sentenza

Coltivazione di marijuana è sempre reato (Cass.pen., n. 51497/13)

Autorità Coltivazione di marijuana è sempre reato (Cass.pen., n. 51497/13)

Tags: , ,

La coltivazione di piante, da cui sono estraibili sostanze stupefacenti è penalmente rilevante a prescindere dalla distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e coltivazione domestica, posto che l'attività in sé, in difetto delle prescritte autorizzazioni, è da ritenere potenzialmente diffusiva della droga, tanto più se si tratta di una pluralità di piantine (pur con principio attivo minimo), coltivate in una serra.

Leggi tutto
24 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Droga parlata e inesistenza di riscontri (Cass. pen, sentenza , n. 50995/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: ,

In caso di condanna per spaccio di sostanza stupefacente quando il contenuto delle conversazioni telefoniche poste a base della condanna non sia sostenuto da elementi obiettivi (sequestri, perquisizioni, dichiarazioni di terzi,..)  il giudice è tenuto (almeno) a motivare i motivi dei mancati riscontri. 

Leggi tutto
23 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Foglio di via: verifica del giudice penale sul provvedimento amministrativo (Cass. pen., sent. 51062/13)

Autorità Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 5 – 18 dicembre 2013, n. 51062

Tags: ,

AL giudice penale spetta il sindacato di legittimità sul provvedimento amministrativo consistente nella verifica della sua conformità alle prescrizioni di legge, tra le quali rientra l'obbligo di motivazione.

Leggi tutto
19 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Coltivazione domestica di marijuana non è reato (Tribunale di Cremona, sentenza 10 ottobre 2013)

Autorità Tribunale di Cremona

Tags: , , ,

L’espressione ”coltivazione” presente nel Testo Unico Stupefacenti evoca un’attività tecnico-agraria o imprenditoriale poiché si parla, ai fini dell’autorizzazione, di superficie di terreni, particelle catastali, locali destinati alla’ammasso e si prevede che la coltivazione e la raccolta possano essere controllate periodicamente dalla Guardia di Finanza e dal personale del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste anche in relazione alla ubicazione ed estensione del terreno coltivato e alla natura e alla durata del ciclo agrario: ne consegue che la coltivazione domestica non può essere considerata reato.

Leggi tutto
19 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Detenzione di marijuana lecita in base al principio attivo (CA Cagliari 1510/13)

Autorità Corte di Appello

Tags: , , , ,

In caso di detenzione di marijuana, ai fini di valutare la compatibilità con l'uso personale, ciò che conta non è il peso lordo (nel caso di specie: 234 g), ma il peso del principio attivo.

Leggi tutto
18 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Volume insufficiente e reato di rifiuto di sottoporsi al testo 186/7 CdS (Cass.pen., 10925/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: ,

Quando il conducente di un veicolo volutamente riduca al minimo l'espirazione in assenza di una accertata patologia determinante l'insufficiente prova spirometrica, al fine di boicottare o, comunque, falsare la verifica dell'etilometro, e lo strumento non sia stato posto in grado d'indicare la percentuale alcolica presente nell'organismo, risulta integrata l'ipotesi di reato di cui al comma 7 dell'art. 186 Codice della Strada (rifiuto di sottoporsi al test).

Leggi tutto
9 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Nessuna necessità di accertamenti specialistici per accertare l'effetto di sostanze stupefacenti (Corte di Cassazione, n. 49393/2013)

Autorità Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 16 ottobre – 9 dicembre 2013, n. 49393)

Tags: , ,

L'effettiva alterazione psicofisica necessaria per poter configurare il reato di guida sotto l'effetto di sostanza stupefacenti (187 C.dS.) che conferma l'attualità dell'effetto stupefacente dei principi attivi riscontrati nei liquidi organici, non necessita affatto di un avvallo medico specialistico, trattandosi di una sintomatologia dai tratti evidenti, percepibili anche da soggetti sforniti di specifica competenza (come ad esempio gli agenti accertatori).

Leggi tutto
6 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Requisiti dell'associazione a delinquere finalizzata allo spaccio (Corte di Cassazione, n. 49135/2013)

Autorità Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 6 novembre – 6 dicembre 2013, n. 49135

Tags: ,

 L'esistenza di una associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente (art. 74 TU stup.) può essere accertata anche per il tramite di *indizi* e non è richiesta la presenza di una complessa e articolata organizzazione dotata di notevoli disponibilità economiche, ma è sufficiente l'esistenza di *strutture rudimentali*, deducibili dalla predisposizione di mezzi, per il perseguimento del fine comune, create in modo da concretare un supporto stabile e duraturo alle singole deliberazioni criminose, con il contributo dei singoli associati.

Leggi tutto
3 Dic 2013
Sentenza

Sentenza

Patteggiamento e giudizio civile (Cass. pen. 27071/13)

Autorità Cassazione Civile

Tags:

La sentenza con la quale il giudice applica all'imputato la pena da lui richiesta e concordata con il P.M. (cd. pateggiamento), pur essendo *equiparata* a una pronuncia di condanna ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 445 cod. proc. pen., comma 1, n*on è tuttavia ontologicamente qualificabile come tale*, traendo origine essenzialmente da un accordo delle parti, caratterizzato, per quanto attiene all'imputato, dalla rinuncia di costui a contestare la propria responsabilità, di talché non può farsi da essa discendere tout court la prova della ammissione di responsabilità da parte dell'imputato stesso e ritenere tale prova utilizzabile nel procedimento civile (Cass. III sez. civ. 12 aprile 2011, n. 8421); in ogni caso, posto che la medesima sentenza contiene pur sempre un'ipotesi di responsabilità, il giudice di merito non può escluderne il rilievo senza adeguatamente motivare sul punto (Cass. civ. 3 dicembre 2010, n. 24587; Cass. civ. 19 novembre 2007, n. 23906; che questo principio non é in contrasto con quello espresso dalle SS.UU. 17289/2006 e recentemente confermato da Cass. SS.UU. n. 21591/2013, perché queste ultime decisioni si riferiscono a procedimenti disciplinari a carico di avvocati, in relazione ai quali il valore delle sentenze rese a seguito di 'patteggiamento', è regolato dagli artt. 445 e 653 c.p.p., come modificati dalla legge 27.3.2001 n. 97.

Leggi tutto
11 Nov 2013
Sentenza

Sentenza

Liceità della coltivazione di marijuana (GUP Cremona, 10.10.2013)

Autorità Tribunale di Cremona

Tags: , ,

La c.d. "crescita domestica" di poche piante in vaso "esce dal concetto di 'coltivazione'", per risolversi "in una forma di detenzione senza acquisto da parte dell'agente che si procura da sé ed anche ripetutamente  la sostanza" - sempre che non vi siano segnali di utilizzo non meramente personale della stessa ed è quindi penalmente irrilevante.

Leggi tutto
6 Nov 2013
Sentenza

Sentenza

Non è reato la coltivazione domestica inoffensiva (Trib. Tn, n. 1088/13)

Autorità Tribunale di Trento

Tags: , ,

Non è reato la coltivazione di due piante di marijuana per mancanza di offensività della condotta, e cioè l’effettiva capacità della stessa di ledere il bene giuridico tutelato dalla norma incriminatrice, in quanto la modesta quantità di principio attivo (88mg) impedisce di vedere leso il bene giuridico protetto, cioè la salute pubblica.

Leggi tutto
31 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Scorta di sostanza stupefacente e uso personale (Cass. pen., sentenza 27346/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , ,

Il possesso di 7,5 g (48 dosi) di eroina possono ritenersi una scorta per uso proprio, dato che pur in presenza di quantità non esigue, il giudice può e deve valutare se le modalità di presentazione e le altre circostanze dell'azione siano da escludere un uso non esclusivamente personale.

Leggi tutto
18 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Trattamenti inumani in carcere impediscono estradizione in Brasile (Cass.pen., 46212/14)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , ,

La situazione carceraria caratterizzata dalla pratica della violenza e della sopraffazione nei confronti dei detenuti ad opera sia di bande criminali interne, conosciute e tollerate dalle autorità carcerarie, sia degli stessi agenti di custodia, nell'ambito di una condizione strutturale di fatiscenza e inadeguatezza degli edifici carcerari che è causa di vistose condizioni di sovraffollamento e di carenze igieniche sanitarie, tali da favorire la propagazione di gravi malattie infettive è causa impeditiva dell'estradizione (nella specie verso il Brasile).

Leggi tutto
17 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Nullo esame etilometrico senza avviso al difensore (Cass.Pen., sent. 42667/13)

Autorità Cassazione penale

Tags: , , ,

L'omesso avviso di farsi assistere per l'esame etilometrico dal difensore costituisce una nullità a regime intermedio e va rilevata  prima, ovvero immediatamente dopo il compimento dell'esame etilometrico: ma se la parte decade, ha pur sempre la possibilita’ di sollecitare il giudice che la può rilevare d'ufficio.

Leggi tutto
11 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Libera manifestazione del pensiero e CEDU

Autorità Corte europea dei diritti dell'Uomo

Tags: , , , ,

 Con la sentenza CASE OF DELFI AS v. ESTONIA (Application no. 64569/09), la Corte europea per i diritti dell'Uomo - richiamanodsi ai precedenti in materia - fa il punto sull'estensione del diritto di libera manifestazione del pensiero  / libertà di espressione (art. 10 CEDU): occorre infatti realizzare un *bilanciamento* tra i valori in conflitto, stabilendo

Leggi tutto
10 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Diffamazione, critica, cronaca o satira (Cass., sentenza n. 41869/13)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , , ,

La diffamazione non sussiste quando viene esercitato un diritto (di cronaca, prima ancora che di critica satirica).

Leggi tutto
9 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Indagine genetica, DNA, garanzie difensive (Cass. pen., 45959/14)

Autorità Cassazione penale

Tags: , ,

Prova scientifica: gli esiti dell'indagine genetica condotta sul DNA, atteso l'elevatissimo numero delle ricorrenze statistiche confermative, tale da rendere infinitesimale la possibilità di un errore, presentano natura di prova, e non di mero elemento indiziario. Il prelievo di materiale biologico non necessita di garanzie difensive nella misura in cui non è invasivo (prelievo da mozzicone di sigaretta).

Leggi tutto
8 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Apologia del fascismo: esibire la maglietta col Duce è reato

Autorità Nicola Canestrini

Tags:

Il reato di cui all'art. 2, comma secondo, d.l. 26 aprile 1993 n. 122, conv. con modif. in legge 25 giugno 1993 n. 205, sussiste per il solo fatto che taluno acceda ai luoghi di svolgimento di manifestazioni agonistiche recando con sé emblemi o simboli di associazioni o gruppi razzisti e simili, nulla rilevando che a tali gruppi o associazioni egli non sia iscritto (Sez. 3, n. 9793 del 29/11/2006 - dep. 08/03/2007, Lucani, rv. 235820).

Leggi tutto
3 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Dire la verità non costituisce diffamazione (Cass. civ., sent. 22600/13)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , ,

La lesione dell'onore e della reputazione altrui non si verifica quando la diffusione a mezzo stampa delle notizie costituisce legittimo esercizio del diritto di cronaca, condizionato all'esistenza dei seguenti presupposti: la verità oggettiva o anche solo putativa dei fatti riferiti, purché frutto di un serio e diligente lavoro di ricerca, tenuto conto della gravità della notizia pubblicata; l'interesse pubblico alla conoscenza del fatto (c.d. pertinenza); la correttezza formale dell'esposizione (c.d. continenza).

Leggi tutto
2 Ott 2013
Sentenza

Sentenza

Decadenza per tardività della contestazione dell'omessa segnalazione antiriciclaggio (CA Roma, sent. 517/13)

Autorità Corte di Appello di Roma

Tags: ,

L’art.3 della legge n.197 del 5 luglio 1991 (normativa “antiriciclaggio”) pone in capo al responsabile della dipendenza, dell'ufficio o di altro punto operativo di uno dei soggetti di cui all'articolo 4 l'obbligo di segnalare senza ritardo al titolare dell'attività o al legale rappresentante o a un suo delegato ogni operazione che per caratteristiche, entità, natura, o per qualsivoglia altra circostanza conosciuta a ragione delle funzioni esercitate, tenuto conto anche della capacità economica e dell'attività svolta dal soggetto cui è riferita, induca a ritenere, in base agli elementi a sua disposizione, che il danaro, i beni o le utilità oggetto delle operazioni medesime possano provenire dai delitti previsti dagli articoli 648-bis e 648-ter del codice penale. 

Leggi tutto
26 Mar 2013
Sentenza

Sentenza

Coltivazione domestica di una pianta di marijuana è inoffensiva (Cass. pen., sent. 25674/2011)

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

Giusti i principi espressi dalla Corte Costituzionale (sent. 360/1995) non è punibile la coltivazione di una sola pianta di marijuana perchè inoffeniva in concreto rispetto al bene giuridico tutelato, cioè la salute pubblica.

Leggi tutto
18 Mar 2013
Sentenza

Sentenza

Coltivazione di marijuana senza principio attivo non è reato (Cass.pen., 18 marzo 2013, n. 12612)

Autorità Nicola Canestrini

Tags:

Non c'è il reato di colitvazione senza principio attivo: ai fini della configurabilità del reato di coltivazione non autorizzata di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti,è necessario accertare la concreta offensività della condotta e cioè l'effettiva capacità della stessa di ledere il bene giuridico tutelato dalla norma incriminatrice, verificando in concreto l'idoneità della sostanza ricavata a produrre un effetto drogante rilevabile.

Leggi tutto
26 Feb 2013
Sentenza

Sentenza

Akerberg Fransson contro Svezia: CEDU, diritto tributario penale, ne bis in idem (Corte di giustizia

Autorità Corte di Giustizia

Tags: , , , ,

Il diritto dell’Unione non disciplina i rapporti tra la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950, e gli ordinamenti giuridici degli Stati membri e nemmeno determina le conseguenze che un giudice nazionale deve trarre nell’ipotesi di conflitto tra i diritti garantiti da tale convenzione ed una norma di diritto nazionale.

Leggi tutto
26 Feb 2013
Sentenza

Sentenza

Melloni contro Spagna: contumacia e mandato di arresto europeo (Corte di Giustizia, C‑399/11)

Autorità Corte di giustizia

Tags: , , ,

il diritto dell’imputato a comparire è un elemento essenziale del diritto ad un equo processo, ma non può ascriversi alla categoria dei diritti assoluti. L’imputato può infatti rinunciarvi sia in modo esplicito che tacito. In particolare, argomenta la Corte di Giustizia, l’interpretazione dell’art. 6 Cedu, par. 1 e 3 fatta propria dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, che deve ritenersi parte integrante degli articoli 47 e 48 della Carta avendo tali articoli la medesima portata della disposizione convenzionale ed essendo ciò espressamente disposto dal preambolo della Carta stessa, esplicitamente si sostiene che non sussista violazione del diritto ad un equo processo nei casi in cui il soggetto sia stato informato relativamente alla data ed al luogo di celebrazione del processo ovvero sia stato assistito da un difensore nominato di fiducia.

Leggi tutto
20 Set 2012
Sentenza

Sentenza

L'aggravante dell'ingente quantità di cui all'art. 80 TU stupefacenti (Cass. pen., SSUU, n.36258/201

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , , ,

Ai fini della configurabilità dell'aggravante di cui all'art. 80 DPR 309/1990 (Testo Unico Stupefacenti) secondo un dato statistico non possono di regola definirsi “ingenti” quantitativi di droghe che, in  riferimento alle singole sostanze indicate nella tabella allegata al d.m. 11 aprile 2006,  non superino di 2000 volte il predetto valore-soglia (espresso in mg nella tabella), ferma restando la discrezionale valutazione del giudice di merito, quando tale quantità sia superata.

Leggi tutto
24 Maggio 2012
Sentenza

Sentenza

L'uso di gruppo di sostanza stupefacente

Autorità Nicola Canestrini

L’uso di gruppo di droga conseguente al mandato all’acquisto collettivo, conferito ad uno dei consumatori e nella certezza originaria dell’identità degli altri, non costituisce condotta penalmente rilevante ai sensi dell’art. 73, comma 1 bis, D.P.R. 309/1990 anche dopo le modifiche intervenute con la Legge 49/2006, purchè il disegno perseguito dai soggetti partecipanti all’acquisto si cartterizzi per il denominatore comune di un uso esclusivamente personale.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

L'uso saltuario di stupefacente non è ostativo al concorso per allievo ufficiale (Consiglio di stato

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , , , , ,

Un isolato episodio di assunzione di sostanza stupefacente, risalente nel tempo e in giovane età non inficia le qualità morali nemmeno per un aspirante ufficiale delle forze armate o di polizia. 

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Coltivazione di marijuana ed errore di diritto ex art. 5 c.p.(Tribunale Rovereto, sentenza 30/2010)

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , ,

La coltivazione domestica di marijuana, considerata lecita da molti giudici di merito e da alcune sentenze della Cassazione, nonostante le contrastanti interpretazioni giurisprudenziali precedenti al revirementdelle SS.UU. del maggio 2008 non può essere scriminata dall'errore di diritto scusabile (art. 5 c.p. e sentenza 364/1988 della Corte Costituzionale).

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Risarcibilità agli eredi del danno morale e del danno biologico in caso di incidente mortale

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , ,

Tanto il danno biologico quanto il danno morale, subito in vita, ben possono essere strasmessi agli eredi, ricorrendone i presupposti.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti e rifiuto del test antidroga

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , ,

Il rifiuto di sottoporsi agli accertamenti finalizzati alla verifica dell'eventuale stato di alterazione psico-fisica (test antidroga, 187 CdS) conseguente all'assunzione di sostanza stupefacenti o psicotrope non costituisce reato ma un illecito amministrativo.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Ammissibile l'istanza di patrocinio a spese dello stato anche senza attestazione consolare

Autorità Tribunale di Trento

Tags: , , , , , ,

L'attestazione consolare dei redditi eventualmente prodotti all'estero prevista dall'ar.e art. 79 TU spese di giustizia per l'istanza di ammissione al patrocinio a sepse dello stato per i cittadini extracomunitari non è requisito previsto a pena di inammissibilità.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Sclerosi multipla e (legittima) assunzione di Cannabis

Autorità Nicola Canestrini

Tags: ,

È possibile ed anzi doverosa la somministrazione, a scopo terapeutico, in mancanza di alternative terapeutiche, a pazienti affetti da patologie fortemente invalidanti che necessitassero di medicinali a base di delta- 9-tetraidrocannabinolo e trans-delta-9-tetraidrocannabinolo.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Coltivazione domestica di marijuana non punibile per inoffensività (Tribunale Milano, 13 ottobre 200

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

La coltivazione domestica di marijuana può essere inoffensiva (Corte Costituzionale, sent. 360/1995): è infatti irrilevante sul piano penale ogni condotta concretamente inidonea a ledere il bene protetto dalla norma, in questo caso il bene della salute di terzi.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Libera circolazione di cittadini comunitari, controlli frontalieri e respingimento illegittimo

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , ,

L’art. 1 del DPR 18.1.2002 n. 54 sancisce il principio del libero ingresso nel territorio italiano dei cittadini di uno stato membro dell’Unione europea, e le relative deroghe debbono essere motivate con riferimento alle ipotesi tassativamente previste dalla normativa.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Integrazione probatoria ufficiosa (art. 507 c.p.p.) e principi del giusto processo

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , , , ,

L'art. 507 CPP non può essere interpretato (se se ne vuole dare una lettura costituzionalmente orientata) nel senso che al giudice va riconosciuto un ampio potere suppletivo tale da sopperire a carenze e negligenze delle parti.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

La illiceità dell'accesso a sistema informatico protetto dipende non dal fine soggettivo perseguito

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , ,

Integra la fattispecie criminosa di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico protetto, prevista dall'art. 615-ter cod. pen., la condotta di accesso o di mantenimento nel sistema posta in essere da soggetto che, pure essendo abilitato, violi le condizioni ed i limiti risultanti dal complesso delle prescrizioni impartite dal titolare del sistema per delimitarne oggettivamente l'accesso. Non hanno rilievo, invece, per la configurazione del resto, gli scopi e le finalit&agreve; che soggettivamente hanno motivato l'ingresso al sistema.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Anche in caso di reati commessi durante una manifestazione va provata la responsabilità del singolo

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

La condotta dell'indagato non può esseere valutata complessivamente e in maniera indifferenziata neppure durante una manifestazione, come se si trattasse di un soggetto collettivo: va invece operata la necessaria distinzione in ordine alle responsabilità individuali di ognuno come emergenti, a livello indiziario, con riferimento alle singole contestazioni.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , , , ,

La valutazione della sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari non può basarsi su motivazione basata su formule stereotipati non tenendo conto di dati fattuali significativi quale lo stato di incensuratezza dell'indagato e la non rilevante gravità del fatto oggettivamente evidenziabile.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Danno da perdita parentale

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , , ,

Il danno da perdita parentale è ontologicamente diverso da quello che consegue alla lesione della integrità psicofisica (danno lato sensu, biologico)e si collega alla violazione di un diritto di rilevanza costituzionale diverso dal diritto alla salute; entrambe le voci non costituiscono autonome categorie di danno, ma sono entità descrittive della conformazione che l'unitaria figura del danno non patrimoniale di volta in volta assume in concreto.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Risarcibilità del danno ai familiari della vittima di un grave incidente stradale

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , ,

In caso di gravi lesioni subite dal figlio convivente all'esito di sinistro stradale, il giudice deve ritenere provata la sofferenza inferiore (o patema d'animo) e lo sconvolgimento dell'esistenza che (anche) per la madre ne derivano sulla base di presunzioni semplici, dovendo liquidare il relativo risarcimento del danno.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Sequestrabile l'automobile solo se vi è collegamento stabile con l’attività di spaccio

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , ,

Nel caso di autovettura utilizzata per il trasporto di sostanza stupefacente destinata allo spaccio, per legittimare un sequestro non è sufficiente il semplice impiego in tale uso, ma è necessario un collegamento stabile con l’attività criminosa, che esprima con essa un rapporto funzionale, dedotto, ad esempio, da modificazioni strutturali apportate al veicolo o comunque dal costante inserimento di esso nell’organizzazione esecutiva del reato.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Vietata l'estradizione verso stati che non rispettano i diritti umani

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , ,

L’art. 698, primo comma, c.p.p. sancisce che “Non può essere concessa l’estradizione [..] quando vi è ragione di ritenere che l’imputato o il condannato verrà sottoposto [..] a pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti o comunque ad atti che configurano violazione di uno dei diritti fondamentali della persona”.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Importazione di sostanze stupefacenti e locus commissi delicti

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , ,

Il delitto di importazione di sostanze stupefacenti attraverso l’uso del mezzo aereo si consuma nel momento in cui la merce viene introdotta nello spazio aereo anche se non abbia ancora superato la barriera doganale.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Diffamazione, diritto di libera manifestazione del pensiero e organizzazioni che si ispirano al regime fascista

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , ,

Nonostante la fine del regime fascista, sono sopravvissute associazioni e organizzazioni politiche che, come Forza Nuova, si ispirano a questa ideologia e che, come nel caso in esame, pretendono di tutelare la propria identità politica.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Il diritto al silenzio non pregiudica l'indennizzo per ingiusta detenzione

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , ,

La scelta defensionale di avvalersi della facoltà di non rispondere non può valere ex se per fondare un giudizio positivo di sussistenza della colpa per il rispetto che è dovuto alle strategie difensive che abbia ritenuto di adottare chi è stato privato della libertà personale.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

La coltivazione di una pianta non giunta a maturazione non è reato

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , ,

Giusti i principi espressi dalla Corte Costituzionale (sent. 360/1995) non è punibile la coltivazione di una pianta il cui ciclo non si è completato, *non* avendo prodotto principi attivi e non essendo quind rilevabile in concreto l'effetto stupefacente.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Reazione legittima alla perquisizione domiciliare ex art. 41 Testo Unico Legge Pubblica Sicurezza

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

La norma d'epoca fascista (Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, art. 41 Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza o T.U.L.P.S.) che tuttora autorizza la perquisizione domiciliare da parte delle forze di polizia in assenza di un mandato dell'autorità giudiziaria non ha mai conferito alla polizia giudiziaria un potere senza limiti e, tanto meno, un potere arbitrario dell'agente che procede, bensì il dovere di immediata attivazione in presenza di un determinato presupposto: la notizia, anche se per indizio, dell'esistenza di armi. Tale avvertenza va sottolineata, a maggior ragione nello Stato costituzionale di diritto, introdotto dalla Costituzione repubblicana, in cui l'inviolabilità del domicilio privato è presidiata da garanzia costituzionale come diritto fondamentale della persona, con espresso divieto di eseguire perquisizione domiciliare "se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale" (art. 14 Cost., comma 2).

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Accedere agli spazi condominiali mentre si è agli arresti domiciliari integra il reato di evasione?

Autorità Nicola Canestrini

In tema di evasione dagli arresti domiciliari, agli effetti dell'art. 385 cod. pen. deve intendersi per abitazione il luogo in cui la persona conduce la propria vita domestica e privata con esclusione di ogni altra appartenenza (aree condominiali, dipendenze, giardini, cortili e spazi simili) che non sia di stretta pertinenza dell'abitazione e non ne costituisca parte integrante, al fine di agevolare i controlli di polizia sulla reperibilità dell'imputato, che devono avere il carattere della prontezza e della non aleatorietà. (Fattispecie in cui l'imputato, all'atto del controllo, si trovava in uno spazio condominiale esterno alla sua abitazione e proveniva da un altro appartamento).

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Risarcimento del danno, interessi e rivalutazione

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , , , , ,

In tema di risarcimento del danno da fatto illecito extracontrattuale, se la liquidazione viene effettuata per equivalente, e cioè con riferimento al valore del bene perduto dal danneggiato all'epoca del fatto illecito, espresso poi in termini monetari che tengano conto della svalutazione monetaria intervenuta fino alla data della decisione definitiva, è dovuto il danno da ritardo e cioè il lucro cessante provocato dal ritardato pagamento della suddetta somma, che deve essere provato anche mediante criteri presuntivi ed equitativi dal creditore; suddetto dano può essere riconosciuto anche mediante l'attribuzione degli interessi, ad un tasso stabilito, decorrenti da singoli mementi sulla somma devalutata.

Leggi tutto
26 Mar 2012
Sentenza

Sentenza

Illegittima ogni presunzione in materia di misure cautelari

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , , ,

È illegittimo l'articolo 275/3 c.p.p. nella parte in cui non consente un giudizio di proporzionalità della misura cautelare applicata rispetto alle esigenze cautelari del caso concreto, dato che "l'applicazione delle misure cautelari non può essere legittimata in alcun caso esclusivamente da un giudizio anticipato di colpevolezza, nè corrispondere - direttamente o indirettamente - a finalità proprie della sanzione penale, rispondendo altresì al principio di "minore sacrificio necessario".

Leggi tutto
22 Set 2011
Sentenza

Sentenza

Compatibile lo spaccio di lieve entità con l'attenuante del danno di speciale tenuità

Autorità Tribunale di Genova

Tags: , , , , , ,

L'attenuante del danno di speciale tenuita' (62 n. 4 c.p.) può trovare applicazione anche nei reati in materia di stupefacenti a condizione che l'evento dannoso o pericoloso concretamente verificatosi sia 'connotato da un ridotto grado di offensività o disvalore sociale'.

Leggi tutto
9 Set 2011
Sentenza

Sentenza

Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati

Autorità Nicola Canestrini

Tags:

La valutazione della sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari non può basarsi su motivazione basata su formule stereotipati non tenendo conto di dati fattuali significativi quale lo stato di incensuratezza dell'indagato e la non rilevante gravità del fatto oggettivamente evidenziabile.

Leggi tutto
13 Maggio 2011
Sentenza

Sentenza

La condanna penale non è automaticamente ostativa alla regolarizzazione

Autorità TAR Trento

Tags: , , , , , ,

Al cittadino extracomunitaro condannato per vendita di borse contraffatte non è preclusa automaticamente la regolarizzazione prevista dalla sanatoria del 2009.

Leggi tutto
11 Apr 2011
Sentenza

Sentenza

Spaccio di isomeri di sostanza stupefacente (Cass. pen., sentenza 14431/2011)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , , ,

Ai fini dell'inquadramento di una determinata sostanza dotata di effetti stupefacenti o psicotropi in una delle specie elencate nelle tabelle del testo unico, deve aversi riguardo alla effettiva nozione della sostanza "tabellata", nel rispetto dei generali criteri di catalogazione dettati dall'art. 14 L.S.. Il 1^ comma - lett. a), n. 1) - del ridetto art. 14 prevede che nella tabella I siano indicati l'oppio e i "materiali" che consentano di ottenere le sostanze oppiacee naturali estraibili dal papavero sonnifero, inclusa dunque la 6-monoacetilmorifina.

Leggi tutto
5 Apr 2011
Sentenza

Sentenza

Sarigiannis vs. Italia (CEDU, II, n. 14569/05)

Autorità Corte europea dei diritti dell'Uomo

Tags: , ,

L’art. 3 CEDU, pur non vietando il ricorso alla forza da parte degli agenti di polizia durante un fermo per accertamenti, assoggetta tale uso della forza a specifici requisiti di proporzione e necessità alla luce delle circostanze del caso. Nel caso di specie, la Corte ha ritenuto che, considerata la gravità delle lesioni personali constatate, i ricorrenti sono stati sottoposti a maltrattamenti di gravità superiore a quella soglia minima sufficiente a far scattare l’applicazione dell’articolo 3 della Convenzione, ed ha pertanto constatato la violazione dell’art. 3 CEDU.

Leggi tutto
11 Mar 2011
Sentenza

Sentenza

Rapporti fra CEDU, diritto comunitario e diritto nazionale (Corte cost., sent. 80/2011)

Autorità Corte Costituzionale

Tags: , ,

La summa del pensiero della Corte in tema di rapporti interordinamentali, sia con la CEDU che col diritto dell’Unione , a favore di una separazione di procedimenti (a discapito di quelli di integrazione).

Leggi tutto
12 Feb 2011
Sentenza

Sentenza

Guida con patente straniera non convertita oltre l'anno di redenza non costituisce reato

Autorità Tribunale di Rovereto

Tags: , , , , ,

Coloro i quali sono residenti in Italia da oltre un anno e continuano a guidare con la sola patente straniera in corso di validità si applicano le sanzioni previste per chi guida con patente italiana scaduta di validità, ossia le mere sanzioni amministrative.

Leggi tutto
28 Ott 2010
Sentenza

Sentenza

Dare del razzista ad un fascista non è reato (Cass. pen. sentenza 4938/2010)

Autorità Corte di Cassazione

Tags: , , , , ,

Nella dimensione dimensione storica, qualifiche di xenofobia, razzismo, violenza ed antisemitismo sono intimamente connaturati e strutturalmente coessenziali alla ideologia nazista e fascista: dare dunque del razzista ad un fascista non è reato, dato che esrcitare il diritto di cronaca / diritto di critica esclude il carattere diffamatorio del fatto (sulla verità del fato che esclude la diffamazione v. Cass., 30/1/2013, n. 2190). 

Leggi tutto
5 Lug 2010
Sentenza

Sentenza

Illegittima l'aggravante della clandestinità (Corte cost., sentenza 249/2010)

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

Il principio costituzionale di eguaglianza in generale non tollera discriminazioni fra la posizione del cittadino e quella dello straniero.

Leggi tutto
28 Apr 2009
Sentenza

Sentenza

Riconoscimento fotografico (Assise Milano, aprile 2009)

Autorità Corte di Assise di Miano

Tags: , , ,

Le ricerche psicologiche hanno dimostrato che nel corso del riconoscimento fotografico il testimone è chiamato a cercare di formare nella sua memoria, unendo i frammenti particolari del volto della persona vista, una immagine unitaria, onde poterla raffrontare alle fotografie che man mano gli vengono mostrate. Questa fase è generalmente carica delle aspettative dell'interrogante e dello stesso teste ad operare un riconoscimento positivo: la persona chiamata ad effettuare il riconoscimento è generalmente mossa dal desiderio di assolvere bene il proprio dovere civico e di venire incontro alle aspettative delle autorità di polizia.

Leggi tutto
11 Ott 2007
Sentenza

Sentenza

Istigazione alla coltivazione ex art. 82 D.P.R. 309/90 (Tribunale di Rovereto, sentenza 300/2007)

Autorità Tribunale di Rovereto

Tags: , , , ,

In una società improntata a principi di laicità quale è quella in cui viviamo risulta impensabile considerare penalmente illecita la semplice manifestazione di un convincimento,ancorchè discutibile o non condivisibile, che per l'appunto può assumere tale carattere solo allorchè si traduca nel promuovere l'uso di stupefacenti.

Leggi tutto
17 Maggio 2007
Sentenza

Sentenza

Cessione di sostanza stupefacente non tabellata (C.Cass., sent. 19056/2007)

Autorità Nicola Canestrini

Tags: , ,

Difettando nel nostro ordinamento una definizione farmacologia dello stupefacente ed essendo stata adottata la nozione legale di esso, sono soggette alla normativa che vieta la loro cessione tutte e soltanto le sostanze specificamente indicate negli elenchi di cui al DPR 309/1990.

Leggi tutto

Le sentenze pubbblicate  sono ovviamente frutto di personalissima scelta: alcune condivisibili, altre meno. Nessuna è peraltro vincolante in un altro giudizio.
 
L'Italia è infatti un paese di cd. civil law, sistema sviluppato nell'Europa continentale a partire dal diritto romano-giustinianeo
 
Il sistema giuridico di civil law(tradizionalmente distinto dai sistemi dicommon law) si basa su un ruolo importante dell'università (dottrina giuridica e educazione dei giuristi) e su un sistema di codici(aggregato omogeneo di leggi e norme).In questi sistemi il giudice si deve attenere, per quanto possibile, alla lettera della legge, come disposto dall'articolo 12 delle Preleggi (introdotte come il codice civile con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262), articolo rubricato interpretazione della legge:
 
Nell'applicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse, e dalla intenzione del legislatore. Se una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione, si ha riguardo alle disposizioni che regolano casi simili o materie analoghe; se il caso rimane ancora dubbio, si decide secondo i princìpi generali dell'ordinamento giuridico dello Stato.
 
In sintesi (ma i problemi non mancano di certo): una sentenza non costituisce un precedente vincolante, ma con lo sviluppo del sistema giuridico sempre maggiore autorevolezza viene attribuita alla giurisprudenza, in particolare quella della Corte di Cassazione. Le decisioni di tale giudice, pur non avendo forza di legge, sono infatti utilizzate dai giudici di merito per formare le proprie sentenze (cd. funzione nomofilattica onomofiliachia). Ciò perchè le sentenze delle corti supreme contengono o enunciano principi di diritto da cui è difficile discostarsi motivatamente.

Difficile, ma non impossibile: in questo sviluppo dell'interpretazione del diritto sta uno dei compiti più alti per l'avvocatura, attore (e non spettatore) della giustizia. 

Recenti Pubblicazioni


Responsabilità degli insegnati e della scuola per danni all'alunno

Con l'iscrizione presso un istituto scolastico dall'istituto stesso sorge un vincolo negoziale dal quale deriva l'obbligo per l'istituto di vigilare sulla sicurezza e l'incolumità dell'allievo, durante la fruizione della prestazione scolastica in ogni sua espressione (in tutte le sue espressioni, gita scolastica compresa v. Cass., 15/2/2011, n. 3680). La scuola è pertanto tenuta a predisporre tutti gli accorgimenti all'uopo necessari, anche al fine di evitare che l'allievo procuri danno a se stesso (v. Cass., 8/2/2012, n. 1769), sia all'interno dell'edificio che nelle pertinenze scolastiche, di cui abbia a qualsiasi titolo la custodia, messe a disposizione per l’esecuzione della propria prestazione (v. Cass., 15/2/2011, n. 3680; Cass., 6/11/2012, n. 19160).


Segreto di indagine vs. pubblicazione di atti (Cass. pen., 16301/14)

Nel codice non vi è completa coincidenza tra il regime di segretezza e quello di divulgazione degli atti permanendo una distinzione tra segreto e divieto di pubblicazione: non vi è perfetta equiparazione tra ciò che diviene conoscibile all'interno del procedimento e la sua divulgabilità.


Infedeltà coniugale ed addebito (Cass Civ., 7998/14)

Moglie infedele non basta per l'addebito: il giudice non può fondare la pronuncia di addebito della separazione sulla mera inosservanza del dovere di fedeltà coniugale, ma deve verificarne l'effettiva incidenza causale sul fallimento della convivenza coniugale previo accertamento rigoroso e di una valutazione complessiva e comparativa del comportamento di entrambi i coniugi, tenendo conta anche della frequenza e delle modalità con cui la infedeltà è avvenuta.


Dati personali e uso giudiziario senza consenso (Cass. civ., 7783/14)

La legislazione in tema di privacy permette di prescindere dal consenso dell'interessato quando il trattamento dei dati sia necessario per far valere o difendere un diritto in giudizio, pur se tali dati non riguardino una parte del giudizio in cui la produzione viene eseguita: unica condizione richiesta è che la produzione sia pertinente alla tesi difensiva e non eccedente le sue finalità; che sia cioè utilizzata esclusivamente nei limiti di quanto necessario al legittimo ed equilibrato esercizio della propria difesa.


Coltivazione di numero esiguo di piante non è reato (Cass. Pen., sent. 15191/14)

Nella coltivazione di sostanza stupefacente, va dimostrata l'offensività della condotta e l'idoneità della stessa a porre in pericolo il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice: in considerazione di un numero esiguo delle piantine di marijuana e nel caso di quantitativo minimo di sostanza dalle stesse estraibile il reato non sussiste.




Diffamazione aggravata da motivi razziali a mezzo Facebook: qualche riflessione

La Convenzione di New York, ratificata in Italia con la L. n. 654/1975 sostituito dal d.l. 26 aprile 1993 n. 122 - c.d. "Decreto Mancino" - convertito con modifiche nella L. 25 giugno 1993 n. 205, estende la rilevanza penale anche alle manifestazioni discriminatorie attinenti alla sfera "religiosa", oltre a quelle razziale, etnica e nazionale, e mediante l'incriminazione di singoli "atti" di contenuto discriminatorio accanto alle condotte di "incitamento" o di provocazione di altri a porre in essere azioni di tale natura.



Archivio